Breve storia di un viaggio

Come descrivere un mondo a noi noto, ma ignoto allo stesso tempo. Come poter descrivere una cosa così perfetta usando parole così imperfette… forse potrei affidarmi a Dante, che per narrare ciò che vedeva in paradiso non faceva altro che svenire e dire che era tutto indescrivibile. Proverò allora a usare immagini, colori di ciò che ho visto, usando poche ma semplici parole, per trasmettere ciò che io ho provato.

Ok, dopo questo pippone mezzo filosofico e mezzo delirante volevo parlare della mia crociera in mar rosso, svolta lo scorso novembre.

Abbiamo visitato 3 dei posti più suggestivi e incontaminati del mar rosso: Daedalus, le Brothers e Elphinstone. Tutto senza mai scendere a terra, sempre a contatto con la superficie del mare, sotto un tappeto di stelle che penso di aver visto solo in qualche film strappalacrime.

Il motivo era molto semplice: andare a vedere gli squali, queste creature perfette che ogni subacqueo cerca costantemente con affanno. Certo, non è come stare davanti a un Bianco, ma posso dire con certezza che 10 Martello (Sphyrna lewini) che girano in cerchio utilizzandomi come centro non è poco emozionante.

Una crociera è di sicuro il modo migliore per sfruttare un’intera vacanza per immergersi, essendo sempre pronti a buttarsi.

Si tratta di 3 posti ancora ricchi di vita, nei quali, seguendo una guida esperta, è possibile vedere di tutto, coronando il sogno di una vita, trovando una miriade di squali nel loro habitat naturale, senza un vetro che ci separi.

L’elenco di ciò che ho visto è smisurato, ma voglio elencarvi solo gli squali che abbiamo visto, soprattutto per farvi provare un po di invidia, e spronarvi a raccontarmi cosa avete visto voi:

Ah, quasi dimenticavo, l’ultima immersione dell’ultimo giorno qualcuno ha voluto farci un regalo, facendoci fare l’immersione insieme a un delfino, che ci ha seguito mettendosi anche a giocare con noi subacquei.

Il resto non sto nemmeno a scriverlo, si sa cosa si vede in mar rosso, e non voglio scrivere qualcosa troppo lungo, preferisco raccontarvi qualcosa ora e qualcosa più avanti, dato che state leggendo il primo articolo di un blog neonato che non ha ancora followers.

Dunque vi lascio con il ricordo più grande che ho di questa vacanza: le onde che cullano la barca e un suono, il più bello, quello del niente, niente che si può percepire solo in mezzo al mare, in mezzo alla tranquillità

P.S. se non vi avessi stimolato abbastanza con questa breve lettura vi metto anche qualche foto che ho scattato, mettete caso che l’immaginazione non vi basti… ah già, i martello. Sono riuscito solo a scattare una foto mossa, appena capirò come sistemare il video e pubblicarlo su YouTube vi farò vedere i martello che mi girano intorno.

Non dimenticatevi di seguirmi su Facebook, per non perdervi nemmeno un articolo e tante altre cose molto carine.

16 risposte a “Breve storia di un viaggio”

  1. molto interessante, attendo i prossimi dettagli

  2. […] è il secondo articolo riguardo alla crociera in Mar Rosso (qui trovate il link al primo articolo) e il tema sarà lo squalo longimanus perché è stato il primo […]

  3. […] tappa della mia crociera (qui  trovate l’inizio) ma sicuramente il posto più emozionante e magico dell’intera vacanza. Magico perchè ho avuto […]

  4. […] era una crociera improntata proprio sugli squali e direi che ne ho visti abbastanza, come potete leggere dal primo articolo, nel quale ho elencato tutti quelli […]

  5. […] Non si tratta di un articolo come i precedenti, non andrò infatti a raccontare un viaggio (come ho fatto qui) o un immersione su qualche relitto (come sulla Haven) ma parlerò di un prodotto per la subacquea […]

  6. […] in topless mentre fanno snorkeling. Se siete subacquei amanti del mare caldo e tropicale allora vi consiglio di leggere questo articolo riguardo il Mar Rosso e i […]

  7. […] Crociera in Mar RossoUna mattina arrivai al diving con la mia muta 5 mm e lo stretto necessario per immergermi in piscina nel primo pomeriggio. Mentre facevo assistenza al diving, per spiegarmi meglio me ne stavo seduto bello comodo vicino al compressore a guardare gli altri sub sudare per preparare tutta la loro attrezzatura, arriva un amico e frequentatore del nostro diving. Logica vorrebbe che sia un diveguide, li presente, a portarlo a fare un giretto al laghetto. Bene, il diveguide c’era, ma non c’era la sua attrezzatura; come se un pilota di formula 1 si presentasse senza auto alla gara… cosa ci vai a fare? Va bhe, dettagli, se non fosse che viene chiesto proprio a me di portarlo in acqua. Come saprete, se avete letto i miei articoli precedenti (li trovate tutti qui) saprete bene che durante la Crociera in Mar Rosso mi ero portato una bella semi stagna, quindi potete dedurre che sono uno abbastanza freddoloso. Ricordo che avevo solo la 5 mm per la piscina. Prendo allora la muta e uno shortino e mi butto in acqua, pensando con le lacrime agli occhi alla mia amata muta stagna che se ne stava al calduccio a casa. Unica gioia era l’acqua a 21 gradi… in superficie. Dopo mezzora esco dall’acqua, ma non incazzato per aver bagnato la muta che mi sarebbe servita poco dopo, no, esco rilassato, felice di aver messo la testa sott’acqua. Questo è l’effetto che mi fa la subacquea, mi libera la mente e rilassa, facendomi scordare tutto lo sbattimento, l’ansia etc. della settimana appena trascorsa. Poi togliere la 5 mm é molto più semplice e immediato di una stagna in neoprene, avevo anche la scusa per starmene in costume sotto il sole. […]

  8. […] una maglietta di lycra sotto la muta. A conferma del mio aver sempre freddo vi rimando all’articolo riguardo la crociera in Mar Rosso durante la quale indossavo una semistagna insieme alla maglietta di lycra (e stavo da […]

  9. […] Il tono di questo articolo sarà leggermente diverso dagli altri, in cui parlo di viaggi: Maldive, Mar Rosso, Lampedusa, voi prendetelo solo come un sunto di quello che sta succedendo nel […]

  10. […] animali fantastici, soprattuto vederli dal vivo, esperienza unica che ho avuto la possibilità di provare durante la mia ultima crociera in Mar Rosso. Se volete potete anche godervi qualche video che ho girato in loro compagnia, sul mio canale […]

  11. […] la sveglia alle 6 di tutti i giorni? Tornate che avete bisogna di un’altra settimana di vacanza, esattamente quello che ho vissuto durante la mia crociera in Mar Rosso. Ecco, sono riuscito a fare una vera e propria vacanza, rilassandomi, alzandomi tardi e facendo il […]

  12. […] è il secondo articolo riguardo alla crociera in Mar Rosso (qui trovate il link al primo articolo) e il tema sarà lo squalo longimanus perché è stato il primo avvistamento durante questa crociera, […]

  13. […] tappa della mia crociera (qui  trovate l’inizio) ma sicuramente il posto più emozionante e magico dell’intera vacanza. Magico perchè ho avuto […]

  14. […] una maglietta di lycra sotto la muta. A conferma del mio aver sempre freddo vi rimando all’articolo riguardo la crociera in Mar Rosso durante la quale indossavo una semistagna insieme alla maglietta di lycra (e stavo da […]

  15. […] topless mentre fanno snorkeling. Se siete subacquei amanti del mare caldo e tropicale allora vi consiglio di leggere questo articolo riguardo il Mar Rosso e i […]

  16. […] era una crociera improntata proprio sugli squali e direi che ne ho visti abbastanza, come potete leggere dal primo articolo, nel quale ho elencato tutti quelli […]

Lascia un commento